Pratiche Telematiche al Registro Imprese - Agenzia delle Entrate

Attestazione del requisito idoneità finanziaria

ai sensi art 7 Reg. Europeo n. 1071/2009 – art. 7 D. D . 291/2011

Pratiche Telematiche al Registro Imprese - Invio Bilancio
Aggiornamento Consiglio di Amministrazione ed elenco Soci
Variazioni all 'Agenzia delle Entrate
Cessioni di quote di Società Srl
Gestione del contenzioso con l' Agenzia delle Entrate
Ricorsi Tributari

mercoledì 25 luglio 2012

iva La registrazione cumulativa delle fatture sotto i 300 euro determina il reddito

iva

La registrazione cumulativa delle fatture sotto i 300 euro determina il reddito

Lo precisa l’Agenzia delle Entrate, a condizione che le fatture emesse e/o ricevute siano state tutte saldate

/ Mercoledì 25 luglio 2012
In caso di opzione per la contabilità semplificata, il documento riepilogativo emesso per le fatture attive e/o passive di importo inferiore a 300 euro può essere utilizzato non solo per registrare le operazioni ai fini IVA, ma anche per annotare i relativi incassi e pagamenti ai fini della determinazione del reddito professionale.
Tale possibilità, ammessa dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 80 del 24 luglio 2012, presuppone però che le fatture emesse e/o ricevute, riepilogate nel predetto documento, siano state tutte saldate.
Ai sensi dell’art. 19, comma 1, del DPR n. 600/1973, gli esercenti arti e professioni devono annotare cronologicamente, in apposito registro, le somme percepite nell’esercizio dell’arte o professione. In base all’art. 3, comma 1, del DPR n. 695/1996, il suddetto registro cronologico può non essere tenuto se nei registri IVA vengono effettuate separate annotazioni delle operazioni non soggette a registrazione ai fini del tributo sul valore aggiunto; nel caso, poi, che l’effettivo incasso dei compensi o l’effettivo pagamento delle spese non avvenga nell’anno di annotazione, l’esigenza di rispettare il principio di cassa sancito dall’art. 54 del TUIR impone di riportare, nei registri in esame e in riferimento alle singole operazioni, l’importo complessivo dei mancati incassi o dei mancati pagamenti.
Dal descritto quadro normativo si desume che nei registri IVA è possibile annotare sia le operazioni rilevanti ai fini IVA, sia – in apposite sezioni – i componenti positivi e negativi rilevanti ai fini della determinazione del reddito professionale.
Fermi restando i termini di registrazione previsti dagli artt. 23 e 24 del DPR n. 633/1972, l’art. 6 del DPR n. 695/1995 dispone che le fatture attive e/o passive, se di importo inferiore a 300 euro, possono essere annotate attraverso un documento riepilogativo, nel quale vanno indicati i numeri delle fatture e, distinti secondo l’aliquota applicata, l’ammontare imponibile complessivo delle operazioni e quello dell’imposta.
Secondo la risoluzione in commento, è possibile avvalersi di tale semplificazione anche per la registrazione degli incassi e dei pagamenti ai fini della determinazione del reddito professionale, purché gli stessi siano annotati in una sezione separata del registro IVA.
La registrazione cumulativa risulta, pertanto, ammessa anche se l’art. 3 del DPR n. 695/1996, nel prevedere la condizione dell’annotazione separata all’interno dei registri IVA, rinvia espressamente all’art. 19 del DPR n. 600/1973, lasciando così presumere che sia necessario registrare distintamente, ancorché nell’unico registro IVA, ogni operazione rilevante ai fini sia dell’IVA che delle imposte dirette.
Data dell’ultimo incasso o pagamento per la registrazione del documento
Per motivi di omogeneità, l’Agenzia delle Entrate chiarisce, tuttavia, che il documento riepilogativo assume rilevanza anche sul piano reddituale a condizione che le fatture emesse e/o ricevute, riepilogate nel predetto documento, siano state tutte saldate; in tal caso, per la registrazione del documento cumulativo, deve essere utilizzata la data dell’ultimo incasso e/o pagamento.
L’annotazione separata è, invece, necessaria per le fatture attive e/o passive non ancora saldate al momento della formazione e registrazione del documento riepilogativo, anche se di importo inferiore a 300 euro.
Da ultimo, viene precisato che le singole fatture vanno conservate, unitamente al documento riepilogativo, anche al fine di consentire all’Amministrazione finanziaria di espletare la propria attività di controllo.

 / Marco PEIROLO
fonte:eutekne

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento